Sicily News - Newsmagazine Siciliano
cerca in:
 

    NEWS DALLA SICILIA

       · Cronaca (213)
       · Cultura (203)
       · Economia (15)
       · Elezioni (34)
       · Feste e Sagre (116)
       · Gastronomia (70)
       · Internet (19)
       · Lavoro (10)
       · Movida Siciliana (100)
       · Musica (1)
       · Politica (4)
       · Racconti Siciliani (5)
       · Scienza (2)
       · Spettacolo (100)
       · Sport (21)
       · Tecnologie (6)
       · Turismo (117)


    EVENTI IN SICILIA

       · Arte (0)
       · Cinema (0)
       · Concorsi Fotografici (0)
       · Cultura (0)
       · Danza (0)
       · Eventi Fotografici (0)
       · Feste e Sagre (0)
       · Fiere (0)
       · Gastronomia (0)
       · Meeting e Congressi (0)
       · Mostre Fotografiche (0)
       · Movida Siciliana (0)
       · Musica (0)
       · Sport (0)
       · Teatro e Cabaret (0)


    PROGRAMMAZIONE CINEMA
    DELLA PROVINCIA DI:

       · Agrigento
       · Caltanissetta
       · Catania
       · Enna
       · Messina
       · Palermo
       · Ragusa
       · Siracusa
       · Trapani

Home Page - Sicily News - Newsmagazine SicilianoNewsEventiCinemaLe news più letteAggiungi un articolo o una news
[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

FAVOLE DEL TRASFORMISMO

Forse, in questi giorni, finalmente sapremo dove vorrebbe andare a parare il governatore Lombardo.

La manfrina è durata troppo a lungo. E’ tempo che egli sveli al parlamento e ai siciliani l’arcano, il suo vero progetto di fuoriuscita da questa anomala e aggrovigliata crisi. Se ce l’ha.

Giacché non si può qualificare progetto la chiamata “a chi ci sta” che è esattamente il suo contrario.

Il “forse” è d’obbligo visti i precedenti e il divenire, confuso e reticente, delle posizioni politiche di maggioranza e anche d’opposizione.

Una situazione ingarbugliata sulla quale, per altro, pesa come un macigno la mozione di censura nei confronti dell’assessore Armao che non può essere solo agitata né più rinviata per rimuoverla dall’agenda politica e parlamentare.

La questione esiste e da più parti è stata palesata e documentata. Perciò, va affrontata e risolta in Assemblea, secondo le scadenze e le modalità previste, o dal governatore come buon senso vorrebbe.

Per come si son messe le cose, il problema più si trascina insoluto più si configura come un banco di prova essenziale per la credibilità del governo e della stessa Assemblea.

D’altra parte, si tratta di una vicenda politica e morale che non è stata inventata dalla stampa, ma è stata denunciata, per prima, dal Pd, dall’Udc e dal PdL che insieme, rappresentano la maggioranza del parlamento siciliano.

Una questione morale, dunque, che l’Ars è tenuta a discutere, prioritariamente.

Solo dopo avere sgomberato il terreno da tornaconti particolaristici e da conflitti d’interressi, evidenti o latenti, si potrà passare a discutere di crisi politica e delle possibili soluzioni per risolverla, sapendo che non si tratta di gestire un passaggio ordinario, ma una situazione inedita e per molti versi anomala.

In altri tempi, il discorso sarebbe stato semplice, lineare, consequenziale: un presidente che non aveva più (o non desiderava più) la maggioranza che l’aveva eletto ne prendeva atto e rimetteva il mandato.

Oggi- si dice- è diverso, ma non tanto. In un sistema bipolare, l’elezione diretta impone una serie di vincoli morali e politici all’eletto, il quale- nel nostro caso- non può dimenticare che, meno di due anni fa, i siciliani l’hanno votato come espressione della coalizione di centro- destra.

E se questa coalizione entra in crisi, si sfalda il governatore non può cercarne un’altra.

Per altro, Lombardo ha abbondantemente usufruito del “voto congiunto” ossia di un meccanismo che attribuisce, automaticamente, al candidato-presidente ogni voto dato alle liste apparentate.

Basterebbe fare un po’ di conti per rilevare quanto c’è di suo e/o degli altri nella sua elezione a presidente della regione.

Certo, questo argomento è anche usato dai “lealisti” del PdL e dall’Udc per richiamare Lombardo a ricomporre la maggioranza uscita dalle urne. Sarà, ma non per questo è meno valido, meno corretto.

Un’altra coalizione, comunque assortita, sarebbe un inciucio o- se si preferisce- un ribaltone. E in Sicilia ne abbiamo avuto già uno (di ribaltone) con esiti a dir poco disastrosi per la regione e per la sinistra che vi si è prestata.

In questa fase, è importante salvaguardare l’idea di un’alternativa al centro-destra che si è rivelato fallimentare a Roma come a Palermo e la necessità del rispetto delle regole della politica e, soprattutto, della volontà degli elettori.

Regole e volontà che si vorrebbero calpestare solo per far luogo ad un inciucio, senza testa né coda.

Ma poi- molti si domandano- questa ineffabile apertura di Lombardo (e Miccichè) al Partito democratico è vera o è solo un artifizio polemico per spaventare i “lealisti” del Pdl e l’Udc e riportarli a più miti pretese?

Il governatore desidera sul serio, è pronto ad operare il distacco da Berlusconi richiesto dal Pd come pre-condizione per l’avvio di un dialogo?

Ammesso e non concesso che Lombardo lo voglia, Micciché ripudierebbe il suo maestro e mentore? E più facile che un cammello passi attraverso la cruna di un ago e non che il sottosegretario possa abbandonare Berlusconi (e Dell’Utri).

Si farebbe un governo di minoranza Mpa - Pd?

Su quali programmi, strutture, uomini, scadenze e garanzie si dovrebbe basare un governo di svolta per il cambiamento?

Favole. Favole della crisi di questa società opaca, senza più utopie, dove si agitano ceti dirigenti, improvvisati e mediocri, capaci soltanto di galleggiare in un mare di relitti, “inadatti- come scrive Cioran- sia al trionfo sia allo sfacelo”

Questi ed altri interrogativi rendono altamente improbabile, se non impossibile, l’ipotesi di un nuova giunta allargata al Pd, sia per l’oggi che per il domani.

Se a ciò si aggiungono le gravi conseguenze politiche che ne deriverebbero per la tenuta del precario quadro politico siciliano e nazionale allora si può, agevolmente, dedurre che trattasi della solita manovra strumentale che mira ad usare il Pd come minaccia per far rinsavire Castiglione e Cuffaro e riportarli ad una condizione di ubbidienza debita.

Sarebbe questo un raggiro mortale per il ruolo alternativo che il Pd potrebbe giocare, anche in Sicilia, ora che finalmente sembra aver ritrovato la sua unità di fronte alla crisi lacerante e alle profferte ambigue del centro-destra.

Agostino Spataro

* pubblicato, con altro titolo, in La Repubblica del 1/12/09

News inserita il 02/12/2009 da Redazione Siciliano.it
nella categoria Cronaca
Sei il lettore numero 7575 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

Cronaca | Cultura | Economia | Elezioni | Feste e Sagre | Gastronomia | Internet | Lavoro | Movida Siciliana | Musica | Politica | Racconti Siciliani | Scienza | Spettacolo | Sport | Tecnologie | Turismo |



Le Ultime News

SPECIALE CAPODANNO 2013: TUTTI GLI EVENTI DELLA NOTTE DI CAPODANNO, CON CENONE, DISCOTECA, PERNOTTAMENTO, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE PONTE DEL PRIMO MAGGIO 2012 NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA: RELAX, BENESSERE, E DIVERTIMENTO, EVENTI GIOVANILI CON ANIMAZIONI, SPORT, E SERATE IN DISCOTECA.

SPECIALE CAPODANNO 2012: COSA FARE LA NOTTE DI CAPODANNO? ECCOVI TUTTI I CENONI CON VEGLIONE DOPOCENA, E DISCOTECA FINO ALL'ALBA, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE VACANZE E PONTI DI PRIMAVERA (25 Aprile - 1 Maggio - 2 Giugno) NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA, TUTTI GLI EVENTI CON FORTE TRAINO GIOVANILE

SPECIALE 8 MARZO 2011: FESTA DELLA DONNA & CHIUSURA CARNEVALE, TUTTO IN UNA NOTTE. GLI EVENTI CON CENA, STREEPTEASE MASCHILE, E DISCO PARTY DI CARNEVALE DOPO LA MEZZANOTTE.

BORGES, VIAGGIO NELLA SICILIA DEL MITO

Inaugurazione della mostra di Elide Triolo Il primo gradino

SPECIALE NOTTE DI FERRAGOSTO 2010, TUTTI GLI EVENTI IN SPIAGGIA O A BORDO PISCINA DA VIVERE IN COMPAGNIA, TRA CATANIA E TAORMINA

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TANGO DELLA SICILIA - dal 10 al 16 agosto

Turismo - La Sicilia protesta

   
Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.

Note legali, Cookie Policy e Privacy - 01194800882 - Realizzazione: Studio Scivoletto